S.O.S:l'Olio vergine cerca verità!

Il portale Teatro Naturale, Settimanale Telematico di Letture, Visioni e Approfondimenti dal Mondo Rurale, ha pubblicato un interessante articolo per sostenere la corretta informazione sull’olio extra vergine di oliva. L’articolo smentisce un altro “pezzo” apparso su un noto giornale a tiratura nazionale, che riporta una serie di informazioni inesatte sul processo estrattivo dell’olio.

Questo articolo appare scorretto a partire dal sottotitolo: “I cari vecchi frantoi sono ormai quasi del tutto sostituiti dagli impianti continui a caldo, enormi cilindri di acciaio inossidabile”. Basterebbe, infatti, porre una semplice domanda a un qualsiasi operatore del settore, per capire come funziona davvero questo processo di lavorazione. Non è negli enormi cilindri di acciaio inossidabile (decanter) che la pasta di olive e l’olio in essa contenuto sopportano temperature elevate ma, eventualmente, nella fase precedente, quella della gramolazione che, con buona pace dell’autore dell’articolo, è presente anche nei “cari vecchi frantoi”.

Non ci dilungheremo sugli innumerevoli errori riportati, ma il dato è significativo perché, da diversi anni, gli sforzi di produttori, frantoiani, ricercatori, assaggiatori è quello di comunicare e diffondere la qualità dell’olio italiano, sicuramente tra le eccellenze a livello mondiale.

Lo stesso obiettivo è perseguito dal progetto S.O.S., che guarda alla sostenibilità, senza pregiudicarne la qualità dell’oro liquido italiano. È esattamente con questo spirito infatti che un cospicuo impegno del progetto S.O.S. riguarda la comunicazione. Comunicare la qualità, le caratteristiche, le prospettive e le idee che ruotano attorno all’olio e a tutto il sistema olivicolo-oleario.

Caratterizzazione genetica, biologica e agronomica di cultivar minori del territorio italiano; caratterizzazione chimica dei risultanti oli vergini; studio di soluzioni tecnologiche innovative per l’estrazione; utilizzo e valorizzazione dei sottoprodotti; analisi “green” di composti di interesse. Tutto ciò si pone di indagare il progetto S.O.S., con l’auspicio che ciò possa contribuire a diffondere la buona cultura dell’olio vergine di oliva.

Leggi l'articolo su Teatro Naturale

S.O.S.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La nostra ricerca: S.O.S.

Per l'impresa

Come aumentare la shelf life dell’olio di oliva

S.O.S. - avatar S.O.S. Per l'impresa 08 Ott 2018

Aumentare la conservabilità dell'olio in porzioni monouso per dare ai consumatori un olio extra vergine di oliva dalle caratteristiche qualitative ottimali. E... leggi

Per il consumatore

Quanto sono salutisti i consumatori?

S.O.S. - avatar S.O.S. Per il consumatore 10 Ott 2018

Qual è l’interesse dei consumatori nei confronti dei prodotti salutistici? E, in particolare, c’è disponibilità a sostenere un costo più elevato rispetto... leggi

Per l’ambiente

Le foglie dell’olivo: fonte di salute e benessere

Ager - avatar Ager Per l’ambiente 25 Set 2018

Il destino delle foglie presenti nelle olive conferite al frantoio? Essere riutilizzate in un’ottica di economia circolare, per produrre biofenoli da impiegare... leggi

Olivo e Olio

Ager - Agroalimentare e ricerca è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Sito Progetto Ager
http://www.progettoager.it/

Valentina Cairo
valentinacairo@fondazionecariplo.it
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
comunicazione@progettoager.it