I "sottoprodotti" delle olive fanno bene alla salute dei celiaci

Dall’università di Sassari giungono notizie interessanti in merito al miglioramento che gli estratti ottenuti dai sottoprodotti della trasformazione delle olive possono portare alla qualità dei prodotti gluten free, innescando un reale percorso di economia circolare

Il tutto considerando che questi prodotti sono sempre più richiesti, visto che in base alle stime le persone affette da celiachia sono circa l’1% della popolazione mondiale e l’unico rimedio per combattere la patologia è l’osservanza di una rigida dieta priva di alimenti contenenti glutine.

Nel caso dei prodotti da forno come il pane, uno dei metodi per aumentarne la qualità nutrizionale è di utilizzare, insieme alle basi amidacee quali mais e riso, le farine derivanti dai cosiddetti pseudo-cereali, come la quinoa, il grano saraceno e l’amaranto. Queste farine “fortificano” il pane gluten free apportando diversi costituenti normalmente non presenti o presenti in scarsa concentrazione, come ad esempio proteine, steroli e polifenoli, ma hanno anche aspetti negativi: aumentano i costi di produzione e non sempre possono essere aggiunti in concentrazioni elevate in quanto influiscono negativamente sul sapore e sul colore del prodotto.

Un’alternativa agli pseudo-cereali sembra essere rappresentata dagli estratti ottenuti da sottoprodotti delle olive, quali foglie, sanse e acque di vegetazione, che permettono di migliorare il contenuto e la biodisponibilità di molecole attive dal punto di vista salutistico. A questo fine, all’interno del progetto S.O.S. l’unità di ricerca di Sassari sta studiando diverse tipologie di prodotti da forno gluten free, quali pane in cassetta, pane piatto e snack arricchiti con diversi estratti forniti dalle unità di ricerca delle università di Bari e Reggio Calabria che collaborano al progetto.

Sui prodotti da forno sono in corso analisi mirate per verificare il reale miglioramento apportato dagli estratti dei sottoprodotti della trasformazione delle olive. Oltre alla determinazione delle proprietà reologiche dei prodotti intermedi e finali, saranno valutati anche gli effetti dell’aggiunta degli estratti sul contenuto in polifenoli (frazione solubile, insolubile e bioaccessibile), sull’attività antiossidante e sulle caratteristiche sensoriali percepite dal consumatore.

S.O.S.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La nostra ricerca: S.O.S.

Per il consumatore

Per l’ambiente

Le foglie dell’olivo: fonte di salute e benessere

Ager - avatar Ager Per l’ambiente 25 Set 2018

Il destino delle foglie presenti nelle olive conferite al frantoio? Essere riutilizzate in un’ottica di economia circolare, per produrre biofenoli da impiegare... leggi

Olivo e Olio

Ager - Agroalimentare e ricerca è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Sito Progetto Ager
http://www.progettoager.it/

Valentina Cairo
valentinacairo@fondazionecariplo.it
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
comunicazione@progettoager.it